"Emergenza coronavirus"

(PEC trasmessa il 10/03/2020 al Capo di Sme per tramite il 1 Reparto) Il Sindacato militare LRM, in occasione del DPCM licenziato il giorno 8 del corrente mese, intende sottoporre all'attenzione dello Stato Maggiore dell'Esercito una fondamentale variante da apportare all'ambito delle licenze e dei permessi regolati dallo Stato Maggiore della Difesa con circolare Prot. N. 0855250 del 03-12-2015.Considerato il tenore dell'art. 1 comma 1 lettera e) e dell'art. 2 comma 1 lettera s) del suddetto DPCM, i datori di lavoro, anche nell'ottica di promuovere il "minimum maining" necessario a contenere il rischio di contagio in ambito militare, dovranno avere a disposizione uno strumento amministrativo che non collida con il fine naturale dei permessi e delle ferie retribuiti dei dipendenti pubblici consistente nel recupero psicofisico garantito dall'art. 36 della Costituzione.

Si chiede, per il personale interessato all'alternanza sul posto di lavoro dettata da esigenze connesse al contenimento dell'emergenza epidemiologica, che codesto Stato Maggiore preveda la fruizione di una licenza straordinaria oltre il limite di 45 giorni annui operante fin da subito.

Non per ultimo si chiede di porre in essere ogni iniziativa utile per contemperare le esigenze del personale militare e delle rispettive famiglie.

:1 - costituendo un Numero Verde "Emergenza Coronavirus" dedicato ai militari;.

2 -attivando un servizio sanitario h. 24 a turnazione tra le caserme presenti sul territorio nazionale;.

3 - avviando la sanificazione di tutte le strutture militari in Patria e fuori dai Confini Nazionali;.

4 - distribuendo a tutti i militari, in via prioritaria al personale comandato per l'emergenza in corso, un kit di disinfettanti a base alcolica prodotti dall'industria farmaceutica militare. .

Siamo vicini al nostro Capo di Stato Maggiore dell'Esercito colpito dal famigerato "Coronavirus".

10/03/2020

Il direttivo nazionale